Adeguamento ISTAT canoni di locazione

Posted by Molinaro 28/08/2016 0 Comment(s)

 

Periodicamente l’ISTAT produce tre diversi indici di prezzo al consumo, cioè indici che danno indicazioni sulle variazioni nel tempo dei prezzi di un insieme di beni e servizi, chiamato paniere (per esempio: pane, benzina, ecc.), che meglio rappresenta i consumi effettivi delle famiglie italiane in un determinato anno, e serve quindi a misurare la variazione del costo della vita.

 

Tra questi tre indici, l’indice FOI (per le famiglie di operai e impiegati) che si riferisce ai consumi delle famiglie che fanno capo a un lavoratore dipendente, è quello utilizzato per l’adeguamento di prestazioni economiche come il canone di locazione, la pensione e l’assegno di mantenimento, evitando così la svalutazione per via dell’inflazione.

 

L’adeguamento del canone di locazione cambia secondo il tipo di contratto:

  • Per contratti a canone libero è possibile prevedere un aggiornamento del canone fino al 100 % della variazione dell’indice ISTAT
  • Per contratti a canone concordato la legge prevede un aggiornamento non superiore al 75 % della variazione dell’indice ISTAT
  • Se per le locazioni ad uso abitativo si è scelti di adottare la cedolare secca, il proprietario dell’immobile deve rinunciare all’aggiornamento del canone (d.l. n. 23/2011)

 

L’aggiornamento, limitatamente alle locazioni ad uso abitativo, va sempre convenuto e inserito all’interno del contratto: in difetto di un espresso accordo, il locatore non può vantare alcun aggiornamento del canone che resterà fisso e invariabile per l’intera durata del contratto (art. 14 della legge 9/12/1998 n. 431)

 

In particolare, non essendo prevista una modalità specifica di comunicazione, conviene specificare con opportuna clausola, se l’adeguamento sarà automatico senza nessuna richiesta da parte del locatore oppure che se l’aumento decorrerà dal mese successivo alla richiesta di adeguamento. In quest’ultimo caso, il proprietario può pretendere il canone aggiornato solo dal momento di tale richiesta, senza che sia configurabile un suo diritto ad ottenere il pagamento degli arretrati

 

Utilizzo degli indici ISTAT per l’adeguamento del canone di locazione

 

Link: La variazione ISTAT mese per mese degli ultimi 24 mese